Indiana Jones e il Quadrante del Destino condivide il finale con un altro grande blockbuster

  • Home
  • Blog
  • Senza categoria
  • Indiana Jones e il Quadrante del Destino condivide il finale con un altro grande blockbuster

ALERT! Importanti spoiler su “Indiana Jones e il quadrante del destino”.

Indiana Jones
sta invecchiando, non c’è modo di evitarlo, a prescindere da qualsiasi tecnologia di de-invecchiamento che tenta, senza riuscirci, di restituirci un giovane Harrison Ford (le riprese statiche sono fantastiche, ma qualsiasi movimento rovina l’illusione). Sebbene anche “Indiana Jones e il Regno del Teschio di Cristallo” avesse a che fare con un Dr. Henry Jones Jr. più anziano, non si concentrava troppo sull’età dell’archeologo.

Non è questo il caso di “Indiana Jones e il quadrante del destino”, l’ultimo e apparentemente ultimo film del famoso archeologo e non certo tombarolo. Questo film d’avventura divertente e vecchio stile vede l’Indiana di Harrison Ford allearsi con la sua figlioccia Helena Shaw (Phoebe Waller-Bridge) in una corsa contro il tempo per impedire ai nazisti di mettere le mani su un antico manufatto (sì, di nuovo… se non è rotto).

In questo film l’età di Indiana è al centro dell’attenzione e influenza tutto ciò che riguarda il personaggio e la trama. Indiana è un uomo con dei rimpianti, con delle perdite, e il film tratta questo aspetto con maggiore impatto rispetto a “Il regno del teschio di cristallo”. È un uomo fuori dal tempo, come il nazista a cui sta cercando di sfuggire. La dinamica tra Helena e Indy non è paragonabile a quella tra Indiana e suo figlio Mutt nel film precedente, poiché Helena non è una chiara copia di Indy né un suo sostituto, ma una persona con un proprio passato travagliato che impara a interessarsi al vecchio come legame con il passato.

Tutto ciò culmina in un terzo atto davvero selvaggio, forse il più fantastico che il franchise abbia mai avuto, ma anche un finale che “Indiana Jones e il quadrante del destino” condivide con un altro recente blockbuster su un vecchio alla ricerca di rilevanza in un mondo cambiato: “Top Gun: Maverick”.

Il terzo atto di “Dial of Destiny” coinvolge Indiana, Helena e i nazisti che viaggiano indietro nel tempo fino all’assedio di Siracusa nel terzo secolo a.C., dove l’aereo con cui arrivano viene abbattuto dalle forze romane. Con un solo aereo rimasto e un tempo limitato per uscire o rimanere intrappolati per sempre nell’antica Grecia, Indiana si offre come sacrificio. Essendo stato colpito in precedenza (alla spalla, ma non mortalmente), Indy decide di cogliere l’opportunità di vivere i suoi ultimi giorni nel passato che ha studiato per tutta la vita.

Questo è un momento che molti fan pensavano sarebbe accaduto in “Dial of Destiny”, ovvero che Harrison Ford avrebbe accettato il film solo a patto di avere un altro momento Han Solo e di morire subito dopo il suo ritorno. Questo ha senso secondo le regole dei sequel, che prevedono l’utilizzo dei personaggi più vecchi per passare il testimone, ma “Indiana Jones e il quadrante del destino” ha in mente altre cose.

Proprio mentre Indiana sta avendo una conversazione significativa con il vero Archimede e si sta preparando a morire di infezione nell’Antica Grecia, Helena lo colpisce a tradimento e lo fa salire sull’aereo, rovinando il suo piano ma salvandogli la vita. Questo è abbastanza simile a “Top Gun: Maverick”, un altro sequel su un uomo anziano che lotta per trovare il suo posto in un mondo che cambia e che guida un gruppo di potenziali sostituti più giovani. In quel film, non c’era quasi nessuna possibilità che Maverick sopravvivesse fino alla fine, e per una buona ragione. Maverick passa la maggior parte del film a essere definito un fantasma, uno spettro di un’epoca morente. Durante la missione finale, si sacrifica facilmente per salvare il suo sostituto e ottenere la redenzione salvando il figlio del suo migliore amico, Rooster.

“Top Gun: Maverick” non uccide il suo personaggio principale, perché Rooster rischia la sua stessa vita per salvare Maverick e i due tornano a casa sani e salvi. In una mossa rara per un sequel, la vecchia guardia non muore e non passa la torcia, ma salva la situazione e vive per raccontare la storia.

I sequel legacy sono facili da vendere sia per il pubblico che per i dirigenti. Si assiste al ritorno di personaggi iconici per un altro urrà, che spinge le vendite di biglietti grazie alla nostalgia, ma si costruisce anche un nuovo cast di personaggi per portare avanti il franchise in nuove puntate (di solito dopo la morte degli originali). È successo con “Tron: Legacy”, la trilogia di sequel di “Star Wars”, “Scream” e altri ancora. Ciò che rende i nuovi “Indiana Jones” e “Top Gun: Maverick” funzionano sorprendentemente bene è che non si preoccupano di anticipare il futuro dei loro franchise (a differenza de “Il regno del teschio di cristallo”). Quello che interessa loro è dare alle loro vecchie star un’ultima vittoria prima di dire addio ai personaggi, non con la morte, ma con un meritato pensionamento.

L’articolo Indiana Jones e il Quadrante del Destino condivide il finale con un altro grande blockbuster proviene da CinemaTown.

Generated by Feedzy